L'ultimo valzer

Grand Hotel Cristicchi

 

 

Sulla strada provinciale superato il grande centro commerciale 
poco fuori dal quartiere popolare mi hanno parcheggiato qui. 
Io se la memoria è ancora a posto arrivai di pomeriggio il 7 agosto 
non ricordo ma probabilmente era un venerdì. 
Le pasticche per il cuore, per la tosse e il raffreddore, 
niente dolci col diabete, le pantofole imbottite. 
Senza tante discussioni ora vivo qui, in "Via dai coglioni"! 

Dentro la mia stanza sopra il comodino accanto al lavandino immerso in un bicchiere d'acqua 
galleggia il mio sorriso. 
L'aria che respiro sa di mele cotte 
di disinfettante e e di scuregge abbandonate di notte dal mio vicino 
e poi scala briscola e scopone, partite a bocce se c'è il sole, 
se piove passi le giornate incollato alla televisione, 
per fortuna una bellissima signora è proprio qui, accanto a me. 

       Le dispiace se solo stasera ci diamo del tu 
       se balliamo abbracciati fin quando non ce la fa più 
       su questa musica di tanto tempo fa 
       il cuore batte più forte nel petto saranno i bypass 
       ogni nota accarezza le rughe della nostra età. 


È la notte di natale in questo posto non si sta poi male 
dopo cena ci hanno dato pure un pezzettino di panettone 
Mario ha la padella piena Ferdinando tocca il culo all'infermeria 
Aldo era un vecchio partigiano se n'è andato ieri sera 
e tu prendimi per scemo, ma io sono vivo e tremo 
alza l'apparecchio per sentirmi sto per dirti che ti amo 
a quest'ora tutti dormono solo io e lei ci siamo svegliati 

        Le dispiace se solo stasera la chiamo Lucia 
        se la prendo per mano e proviamo ad andarcene via 
        e già m'immagino quando la sposerò, 
        e faremo la lista di nozze in una farmacia 
        mi conceda quest'ultimo valzer signora Lucia 
        su questa musica di troppo tempo fa 
        il cuore batte più forte tutt'altro che un'anomalia 
        ricomincia stanotte in un valzer la vita mia