Cellulare e Carta Sim

Fabbricante di canzoni

 

Sono un cellulare un po’ invecchiato, chiuso in un cassetto
Solo e con lo schermo un po’ graffiato
E il caricatore rotto, mi hanno spento, non ho campo
Qui nel paradiso dei vecchi cellulari…

Mi ricordo quando funzionavo, le telefonate
Gli sms che ho inviato, fino a quando non è uscito
Quel modello accessoriato e dalla mia carta SIM qualcuno mi ha staccato…

E mi manca tanto quel tuo nome nella rubrica
E mi fa compagnia la mia tastiera sbiadita
Con queste ultime due tacche di vita io
Provo a mandarti un segnale, anche se qui prendo male…

Stavi bene quando t’ infilavi dentro la mia pancia calda
Come il suono di una voce e della sua guancia
Sempre indivisibili eravamo, cellulare e carta SIM uniti in matrimonio…

E mi manca tanto quel tuo nome nella rubrica
E mi fa compagnia la mia tastiera sbiadita
Con queste ultime due tacche di vita io
Provo a mandarti un segnale, anche se qui prendo male…

All’ improvviso mi sento afferrare, è il mio padrone, mi vuole aggiustare
Nell’ ospedale, telefoni come me… pochi minuti e ritornerò a vivere!

E lampeggia innamorato il tuo nome in rubrica,
solo se stiamo insieme, diamo un senso alla vita
e con tutte le mie tacche di batteria
io vibrerò di emozione e suonerò una canzone