I Matti de Roma

Album di famiglia

I matti de Roma sai so tanti, certi so tristi, cert' artri divertenti
so’ ‘mbriaconi, so reggine, so cantanti, caratteristici, come li monumenti.

Pe ditte a zona mia c'era Agostino, che spaventava tutti quanti i regazzini
Gridava d'esse nientemeno che er demonio, le corna in testa erano du’ peperoncini.
Su la Tojatti a vorte trovi er Roscio, sale cor flauto sur quattro e cinquantuno
Fa tre notacce sbiascicanno le parole, chiede du spicci, ma nun je li da nessuno.

I matti de Roma so la smorfia un pò sdentata de le strade de città
pe ricordà a chi se pija troppo sur serio che male strano che è la normalità,
che brutto male che è la normalità.

C'è sta Berardo er pugile sonato, che s'è ammattito pe’ i cazzotti presi in testa
mo è vecchio, e gira sempre solo, ‘na sigaretta è tutto quello che je resta.
Oggi alla metro ‘na signora smadonnava, e stava a lì, a litigà in mezzo ar viavai
Co quarcuno che nun c'era o nun c'è più, forse quarcuno che nun c'è stato mai.

C’hanno provato un sacco de dottori a decifrà quer gran mistero der cervello
si tu me chiedi chi so’ i veri malati, dipenne da che parte chiudi quer cancello
dipenne da che parte chiudi quer cancello.

I matti me sa che sete voi, che nun ridete e sete sempre così seri,
e state chiusi tutto er giorno in un ufficio, mentre la vita ve saluta da de fori,
e state chiusi in questo granne manicomio, mentre la vita ve cojona da de fori.